Giovedì 4 giugno, in video conferenza, la classe 4LM del Liceo Artistico “T.Catullo” ha incontrato l’assessore alla cultura, nonché presidente dell’associazione Dino Buzzati, Marco Perale per presentare i propri lavori di animazione sui miracoli di Valmorel. Il progetto ha preso vita dal testo dell’autore e pittore bellunese Dino Buzzati che nel suo testo “I miracoli di Valmorel”, edito nel 1971, racconta alcuni miracoli immaginari che la tradizione popolare attribuisce a Santa Rita da Cascia la cui cornice narrativa è ambientata proprio in provincia di Belluno.

Il lavoro interdisciplinare ha visto impegnati gli studenti di quarta dell’indirizzo multimediale dell’Istituto che insieme ai loro insegnanti Francesca Bortoluzzi, italiano e storia, e Gianfranco Grossi di discipline audiovisive e multimediali hanno dato vita a delle animazioni ispirate proprio al libro. I video sono stati presentati a distanza attraverso la piattaforma messa a disposizione dalla scuola “Meet” che gli alunni conoscono molto bene perché è proprio lo strumento utilizzato in questi mesi di didattica distanza.

 

Un lungo lavoro che è iniziato nel mese di gennaio in cui si sono alternate lezioni di letteratura a momenti laboratoriali. “E’ un esempio – commentano gli alunni – di come nascano i soggetti cinematografici che spesso partono proprio dall’analisi di un libro, di un racconto per poi passare in fase creativa al montaggio vero e proprio. E’ stata un’esperienza da registi – concludono”.

“Gli allievi  – commenta la prof.ssa Bortoluzzi – hanno lavorato per la quasi totalità del lavoro da casa con difficoltà legate ai programmi e alle tecnologie a disposizione e siamo dunque molto fieri di quanto hanno fatto. Per tale ragione abbiamo voluto coronare il percorso invitando l’assessore alla cultura Marco Perale”.

“Il testo di Buzzati, I Miracoli di Valmorel,  rappresenta  – commenta il prof. Grossi – l’essenza del concetto di multilinguaggio, unisce produzione artistica e letteraria. Ho sempre immaginato – continua –  che questi disegni fossero dei fotogrammi di un film e ho chiesto dunque ai ragazzi di liberare con grande fantasia la storia all’interno del dipinto”.

I video saranno consegnati dopo la visione all’associazione Dino Buzzati che dal 1988 promuove e coordina ogni iniziativa che possa contribuire allo studio e alla diffusione dell’opera dell’autore  bellunese. Il presidente  nonché Assessore alla cultura Marco Perale ricorda propria la grande potenza artistica e letteraria di Dino Buzzati che già negli anni settanta in Francia, Germania e Romania era riconosciuto come un autore innovatore proprio per la grande capacità di fondere la scrittura letteraria e giornalistica con il linguaggio pittorico. Dopo la proiezione delle animazioni, il presidente Perale, ha dato degli ottimi suggerimenti ai ragazzi per come meglio comprendere la letteratura di Buzzati, così profonda e attuale. “I progetti –conclude Perale – saranno presentati in modo ufficiale dall’associazione con un incontro pubblico appena sarà possibile”.

Ecco alcuni dei 21 lavori multimediali degli studenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.