La nostra scuola ha attivato nello scorso biennio una classe 3.0 che potrà essere rinnovata con una nuova classe prima nel prossimo a.s. solamente se, per ciascun indirizzo di studio, si raggiungerà un numero adeguato di adesioni. Per questo motivo è necessario PRELIMINARMENTE raccogliere l’eventuale disponibilità degli studenti e dei genitori. In allegato a questa comunicazione vi è una presentazione della classe 3.0 E’ stato quindi predisposto un form che si chiede COMUNQUE di compilare:

https://forms.gle/U495b7JZEZ6uom8P8

Al fine di presentare direttamente l’iniziativa verrà organizzato un incontro LUNEDI 29 GIUGNO alle ore 18.00. Quest’incontro potrà essere svolto in presenza o in modalità Meet a seconda delle persone interessate (l’aula magna della scuola ha capienza 100 persone ora ridotte a 25). L’eventuale meet (la modalità di riunione in presenza/in remoto verrà scelta in base al numero di adesioni) verrà svolto collegandosi al seguente link:

https://meet.google.com/aan-zgdi-qqd

Si chiede quindi ai genitori di compilare comunque (entro venerdi 26 p.v.) il form sopra riportato al fine di una puntuale organizzazione.
Per qualsiasi dubbio o chiarimento è sempre possibile contattare la prof.ssa Raffaella Giacobbi (raffaellagiacobbi@istitutocatullo.edu.it) o la prof.ssa Cristina Calonego (cristinacalonego@istitutocatullo.edu.it)

Grazie per la collaborazione e cordiali saluti. ALLEGATO: Presentazione classe 3.0

IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Dott. Mauro DE LAZZER)

Il progetto e una didattica innovativa Classe 3.0

Si affiancherà, perciò, ad una didattica tradizionale, una didattica per competenze che preveda l’utilizzo di ambienti di apprendimento/insegnamento digitali e di modalità didattiche attive e innovative come

  •  Flipped Classroom
  • Cooperative Learning
  •  Piattaforma GSuite

La scuola intende realizzare nell’anno scolastico 2020/2021 una classe digitale in cui gli allievi potranno avvalersi di una didattica innovativa supportata dalle nuove tecnologie al fine di sviluppare competenze trasversali e di cittadinanza utilizzando e sviluppando competenze culturali e disciplinari

Di seguito viene proposta una breve descrizione delle metodologie didattiche innovative che verranno attuate

2.

FLIPPED CLASSROOM (la classe capovolta)

Una sua definizione si può ottenere da Avanguardie Educative (Indire):
“L’idea-base della «flipped classroom» è che la lezione diventa compito a casa mentre il tempo in classe è usato per attività collaborative, esperienze, dibattiti e laboratori.
In questo contesto, il docente non assume il ruolo di attore protagonista, diventa piuttosto una sorta di “mentor”, il regista dell’azione pedagogica.
Nel tempo a casa viene fatto largo uso di video e altre risorse e-learning come contenuti da studiare, mentre in classe gli studenti sperimentano, collaborano, svolgono attività laboratoriali.”Il modulo didattico Flipped Classroom è caratterizzato da tre momenti:

1. momento preparatorio durante il quale il docente seleziona e assegna ai propri allievi materiale didattico multimediale e i compiti da svolgere. Il materiale deve essere visionato e studiato a casa dagli alunni. Questa è la fase di trasmissione di informazioni e conoscenze;

2.momento operatorio durante il quale, in classe, attraverso attività individuali e collaborative, gli allievi utilizzando i saperi acquisiti con le risorse multimediali fornite dal docente per risolvere problemi e dimostrare il proprio apprendimento producendo, oltre a elaborati tradizionali, anche elaborati digitali (video, mappe, presentazioni, risposte a questionari digitali…) ma non solo;

3. momento conclusivo durante il quale il docente corregge e valuta i prodotti degli allievi e in classe fissa i nodi concettuali della lezione.

IL COOPERATIVE LEARNING

“Una classe cooperativa è un insieme di piccoli gruppi di studenti relativamente permanente e composto in modo eterogeneo, unito per portare a termine un’attività e produrre una serie di progetti o prodotti, che richiedono una responsabilità individuale nell’acquisizione delle competenze utili al raggiungimento dello scopo (Baloche 1998)”

Attuando in classe metodologie di cooperative learning si perseguono i seguenti obiettivi:

  1. realizzare attività maggiormente coinvolgenti;
  2. favorire motivazione e impegno;
  3. sviluppare competenze sociali e civiche e relazioni interpersonali

Le attività di cooperative learning sono caratterizzate da:

  •  interdipendenza positiva (il successo di uno è legato al successo degli altri)
  •   responsabilità individuale e di gruppo (ognuno è responsabile del proprio apprendimento edi quello degli altri)
  •  interazione promozionale faccia a faccia (ogni allievo può contare sul sostegno e l’aiuto degli altri)
  •   sviluppo di abilità sociali (comunicare con efficacia, risolvere conflitti, prendere decisioni,….)
  •   valutazione del gruppo e individuale

LA PIATTAFORMA G SUITE

G Suite for Education è un insieme di applicazioni per la collaborazione e la condivisione in ambito scolastico.
in essa, fra le altre, sono presenti le seguenti app:

  •   Gmail: servizio di posta elettronica protetto perchè è possibile limitare l’uso ai soli utenti della piattaforma
  •   Google Drive: servizio, in ambiente cloud, di archiviazione, memorizzazione di materiali e di creazione online in collaborazione a distanza e in tempo reale di contenuti condivisi
  •   Google Classroom: permette ai docenti la costruzione di classi virtuali per l’assegnazione di compiti, l’effettuazione di verifiche, la consegna di materiali..

Agli alunni che decidessero di iscriversi a questa classe è richiesto di:

  • possedere un personale device (PC/Tablet)
  • avere a casa una connessione internet
  • rispettare le consegne degli insegnanti visionando e studiando a casa quanto assegnato rispettare le regole stabilite per un uso corretto e consapevole della rete e degli strumenti digitali che la scuola offrirà in uso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.